Il critico Colasanti commenta una tela di Vittoria Risi