“Schegge di R”: Giuliana, mia madre